UNIVERSITÁ DI SALERNO, IL MASTER DAOSAN PER COSTRUIRE CARRIERE E STORIE DI SUCCESSO

UNIVERSITÁ DI SALERNO, IL MASTER DAOSAN PER COSTRUIRE CARRIERE E STORIE DI SUCCESSO

Ampliati i termini per la presentazione delle domande al 27 settembre 2022

Due curricula tra cui scegliere:

1.     “Risk management & Transformational Leadership in Healthcare Organizations” per formare i futuri dirigenti sanitari

2.     “Leadership and Digital Transformation”, per formare leader capaci di governare la trasformazione digitale

Quale leadership e quali competenze manageriali saranno indispensabili per governare il mondo del futuro, in un mercato lavorativo sempre più sfidante e in costante accelerazione, in cui sono richieste skills sempre più complesse e specialistiche? Innovazione e didattica esperienziale sono alcuni dei punti di forza del Master di II livello DAOSan (Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie), promosso dal Dipartimento di Scienze Aziendali – Management & Innovation Systems (DISA-MIS) dell’Università degli Studi di Salerno.

Formare i leader del futuro: è questa la mission del Master DAOSan che, per far fronte alle tante richieste pervenute negli ultimi giorni, ha deciso di ampliare i termini per la presentazione delle domande di ammissione, fissandola alle ore 13 del 27 settembre 2022.

Un’ampia proposta didattico-formativa che vanta una forte autorevolezza in ambito nazionale, in un’esperienza consolidata giunta alla sua 17esima edizione, con una faculty di grande spessore qualitativo, partnership prestigiose e testimonianze di autori, intellettuali e manager di fama internazionale. Un approccio innovativo al management e una didattica attiva con 𝐦𝐞𝐭𝐨𝐝𝐨𝐥𝐨𝐠𝐢𝐚 di 𝐚𝐜𝐭𝐢𝐨𝐧 𝐥𝐞𝐚𝐫𝐧𝐢𝐧𝐠 𝐓.𝐑.𝐄.𝐄. (Targeted Exploration, Re-organizing, Evacting, Exhibiting): innovativo 𝐦𝐞𝐭𝐨𝐝𝐨 𝐜𝐡𝐚𝐧𝐠𝐞-𝐛𝐚𝐬𝐞𝐝 𝐥𝐞𝐚𝐫𝐧𝐢𝐧𝐠, che si propone di attivare percorsi di fertilizzazione reciproca tra teoria e prassi, allo scopo di promuovere sviluppi culturali e aziendali in una prospettiva di miglioramento continuo.

Un Master post lauream che si rivolge a brillanti laureati ad alto potenziale o a dirigenti, professionisti e funzionari che intendono mettere in discussione le proprie competenze, in uno scenario occupazionale caratterizzato dalla transizione digitale.

Strategie di leadership e change management, con percorsi pensati su misura con frequenza blended, per costruire storie e carriere di successo e per ampliare i propri orizzonti.

Sono 2 i curricula del Master DAOSAN tra cui scegliere:

1)      il curriculum “Risk Management & Transformational Leadership in Healthcare Organizations” (Direttore Prof.ssa Paola Adinolfi, Vice Direttore Prof.ssa  Rosaria Cerrone) che si propone di formare professionisti di alto profilo idonei a svolgere funzioni dirigenziali nelle Aziende Sanitarie pubbliche e private, nelle istituzioni del settore Health Care, nelle aziende farmaceutiche, biomediche, elettromedicali e di information technology collegate al settore sanitario, o ad esercitare attività di tipo consulenziale o imprenditoriale;

2)      il curriculum in “Leadership and Digital Transformation”, (Direttore Prof.ssa Paola Adinolfi, Vice Direttore Prof.ssa Gabriella Piscopo) nato dalla collaborazione tra l’Università degli Studi di Salerno e il Centro Alti Studi per la Difesa – CASD, in sinergia con il Dipartimento di Scienze Aziendali Management & Innovation Systems DISA-MIS e il Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA. Finalità del Master è formare, con il Centro Alti Studi della Difesa (CASD), leader capaci di governare la trasformazione digitale, concepire e guidare progetti di cambiamento ad alto impatto di innovazione per il sistema Paese.

IL MASTER IN RISK MANAGEMENT & TRANSFORMATIONAL LEADERSHIP IN HEALTHCARE ORGANIZATIONS è un percorso di apprendimento open, partecipativo, integrato, attivo e multidisciplinare, rispondente alle esigenze di settori in rapida trasformazione, per sviluppare doti di leadership, strategic vision, resilienza e project work.

Ben 1.500 ore di formazione; frequenza blended in aula e online; tre diverse modalità di frequenza in risposta alle esigenze dei partecipanti: “tempo pieno standard” (della durata di 1 anno accademico), “tempo parziale standard” (2 anni accademici), “tempo parziale Experience Lab” (2 anni accademici).

Il Master aderisce all’iniziativa della Funzione Pubblica “PA 110 e lode”, che prevede la riduzione del 30% sulla quota di partecipazione per i dipendenti pubblici. È accreditato, inoltre, per l’erogazione di 7 borse di studio INPS EXECUTIVE di 10.000 euro, destinate ai dipendenti delle PA ed è accreditato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione per la formazione continua per gli iscritti nell’Elenco nazionale dei componenti degli Organismi Indipendenti di Valutazione OIV della performance.

IL MASTER IN LEADERSHIP AND DIGITAL TRANSFORMATION si caratterizza perl’ambiente di apprendimento collaborativo e multidimensionale, che fonde competenze manageriali con quelle esperienziali immersive, con formazione esperienziale consolidata presso le Forze Armate, per lo sviluppo di doti di leadership, strategic vision, digitalizzazione e di competenze di self and team leadership, cybersecurity e situational awarness, funzionamento delle più diffuse tecnologie digitali, analisi economico-finanziaria applicata ai progetti di innovazione, data science governance e strategy, lean e agile project management, con percorsi di studio e di ricerca dedicati.

1500 ore di formazione (320 ore di didattica frontale, 320 ore di tirocinio formativo, 860 ore di e-learning, studio individuale e guidato, elaborazione di un project work finale); durata di 1 anno; percorso formativo articolato in modalità blended con l’integrazione di presenza in aula (sia in ateneo che presso le sedi del CASD) e in streaming su piattaforma dedicata.

Il Master si rivolge a Dirigenti, operanti nel settore sia pubblico che privato, manager e quadri, Ufficiali Dirigenti delle Forze Armate, brillanti laureati. Aderisce all’iniziativa della Funzione Pubblica “PA 110 e lode”, che prevede la riduzione del 30% sulla quota di partecipazione per i dipendenti pubblici.